· 

Bioedilizia responsabile

Abbiamo conosciuto questa realtà aziendale attraverso la segnalazione di una amica del Gruppo Facebook Oltre la MCS, anche se poi abbiamo scoperto che Ton Gruppe® è un’azienda presente sul mercato da più di 30 anni. 

Simone Petri è un consulente tecnico di Ton Gruppe®,  questa azienda altoatesina si occupa da tempo di bioedilizia in modo semplice e concreto. È stato però anche piacevole scoprire con quale passione e dedizione Simone Petri ci ha raccontato il suo approccio a questa realtà, una scelta che ci è parsa più che lavorativa una scelta di “vita”. Condividiamo quindi con piacere il suo racconto. 

accedi al sito web Ton Gruppe 

per contatti 

Ton Gruppe®

Dott. For. Simone Petri 
Consulente Tecnico Valsugana

tel +39 3281221077

e-mail  valsugana@ton-gruppe.it

oppure andare sulla pagina Oltre lo Shop


Simone Petri segnala inoltre che un riferimento per queste tematiche è l’architetto Enrico Micelli di Udine e anche il fondatore dell’azienda, Ulrich Pinter, rappresenta un riferimento esperto e disponibile.


" Prima d’essere consulente tecnico sono apicoltore, certificato bio, cresciuto in una azienda agricola biologica dai primi anni 90. La mia compagna mi ha fatto conoscere i disagi della MCS (Sensibilità Chimica Multipla) perché una sua amica ha questo problema, ed entrambi ormai stiamo molto attenti a questo genere di patologie ambientali e alle problematiche ad esse collegate. Da allora ho sistemato la mia casa per poterla accogliere. Inoltre non usiamo detersivi con profumi, ho in casa pavimenti del 1800 al naturale, senza alcun trattamento, ho intonacato le pareti personalmente usando solo grassello di calce e sabbia. Avendo le api (odiano i profumi), non uso profumo nemmeno per me se non in rari casi (sapone da barba). 

 

Ci vuole poco per peggiorare una casa ed è difficile invece migliorarla! È importante entrare nella propria abitazione senza essere infastiditi da qualcosa e poter dire "finalmente a casa". 

Non sopporto i supermercati, le luci e gli odori di questi ambienti, sto male se sento l'odore di alcuni mobili o dei pavimenti, così come mi accorgo subito se una campagna è stata trattata con pesticidi. 

 

Mi sono trovato a pensare a come migliorare casa mia, dal punto di vista termico, e ho scartato il cartongesso,  i materiali plastici, il poliuretano, il polistirolo tutti rifiuti speciali e la lana di roccia e di vetro,  addirittura rifiuti pericolosi,  per diversi motivi (è una scelta personale, non legata alla mia attività di consulenza)

Li elenco. 

  • i muri perimetrali devono essere traspiranti, e per posare un cappotto in fibra minerale o polistirolo si usano colle e rasanti, polimeri plastici e altre sostanze chimiche che creano una barriera a vapore. il risultato sarà lo sviluppo di muffe.
  • per produrre i materiali sintetici si impiega una quantità enorme di energia.
  • gli intonaci contengono pesticidi, anche un diserbante vietato già da anni in agricoltura, tanto è vero che risultano già inquinati alcuni corsi d'acqua in Germania per esempio, (materiali solubili che con la condensa e la pioggia dalle pareti finiscono nelle falde inquinando i fiumi)
  • i materiali sintetici sono difficili da smaltire e creano montagne di rifiuti.
  • Meglio sempre poi porsi una domanda: vale di più il confort abitativo o il risparmio in bolletta vivendo in una discarica o chiusi in un polistirolo?

Veniamo alla parte commerciale del discorso, quella meno attraente ma necessaria per conoscere l’offerta della Ton Gruppe® che utilizza esclusivamente materiali sostenibili quali terra cruda (argilla), canapa, calce e legno. Entrando nel merito del cappotto esterno è prodotto in canapa, intonacato in calce, non si usano collanti chimici ma solo calce idraulica, garantito 20 anni, traspirante. Oppure è importante sapere che i mattoni in argilla, ad esempio, sono ottimi contro le onde elettromagnetiche, isolano moltissimo e le abbattono oltre il 90%, ci sono studi effettuati in Germania a tale riguardo ma qualcosa anche in Italia. La gamma di prodotti è ampia e permette di potersi affidare a un unico partner di riferimento. Basta farsi guidare dall’esperienza maturata, studiando insieme la soluzione più adatta per ogni contesto" .

S.P. 



Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Scrivi commento

Commenti: 0