· 

Medico della salute pubblica avverte: non accendete le candele profumate

Dal punto di vista dei rischi per la salute, non fa molta differenza se le fragranze per la casa, come candele, oli o diffusori elettrici, siano prodotte artificialmente o in modo naturale. Anche se alcuni di essi non sono del tutto nocivi per la salute, rappresentano un onere inutile per il sistema di disintossicazione dell'organismo umano, già sovraccarico di lavoro, avverte un esperto di salute pubblica della Semmelweis University* di Budapest.


Dato che trascorriamo il 90% del nostro tempo in ambienti chiusi, la qualità dell'aria indoor è il fattore di salute ambientale più importante. Metà degli inquinanti presenti negli ambienti in cui viviamo provengono dal loro interno (l'altra metà proviene dall'esterno). Oltre all'aerazione frequente, il modo migliore per migliorare la qualità dell'aria interna è ridurre il numero di sostanze chimiche che utilizziamo.

“Ogni sostanza chimica che introduciamo nella nostra casa si aggiunge al carico di malattie causate dall'ambiente indoor”, spiega Tamás Pándics, direttore del Dipartimento di Scienze della Salute Pubblica dell'Università Semmelweis.

Una fonte di inquinanti, soprattutto in inverno, è rappresentata dalle candele profumate e dalle fragranze artificiali o naturali per la casa. Questi prodotti possono produrre solo una piccola quantità di vapori e particelle alla volta, ma con un uso regolare o continuo, queste quantità si sommano. "L'impatto cumulativo e l'esposizione costante a queste sostanze chimiche è ciò che porta a un potenziale rischio per la salute causato da questi prodotti", spiega Pándics.
“A differenza di chi vive vicino a una strada trafficata, dove possiamo modificare la qualità dell'aria solo spostandoci, questo è un impatto che creiamo noi. Possiamo decidere di non farlo", aggiunge.

L'uso congiunto di più fragranze (candele, profumatori a parete, diffusori di aromi, ecc.) è associato a emicrania, aumento del rischio di malattie respiratorie, irritazione degli occhi e della gola, disturbi ormonali. Possono aggravare la salute di chi soffre di patologie già esistenti, come asma e malattie respiratorie croniche.

I bambini, in particolare, sono esposti al loro potenziale effetto nocivo, che può essere indotto da una dose minore o da un'esposizione più breve rispetto agli adulti.

La Sensibilità Chimica Multipla (MCS), una condizione in cui una bassa dose di sostanze chimiche può scatenare la sensibilizzazione, è stata descritta per la prima volta nei bambini", osserva Pándics..

Questa esposizione è ulteriormente aggravata dai prodotti per la pulizia della casa, dai mobili e dalle vernici che rilasciano continuamente sostanze nocive. Con i prodotti chimici per uso domestico rigorosamente regolamentati, la sicurezza chimica è migliorata notevolmente, ma le persone usano anche più prodotti chimici in casa.
“All'indomani della pandemia COVID-19, può sembrare controverso, ma esageriamo nell'uso dei disinfettanti. Utilizziamo troppi prodotti chimici per la casa in quantità irragionevoli”, afferma Pándics

Le stime relative al livello di rischio che servono come base per la gestione della sicurezza chimica sono calcolate per l'uso di un singolo prodotto, non per più prodotti usati contemporaneamente. Questo tipo di utilizzo è preoccupante dal punto di vista della salute a causa degli effetti sinergici. "Ci esponiamo all'effetto di centinaia di sostanze che, con il carico aggiuntivo e non necessario di sostanze come candele profumate, fragranze per la casa, diffusori con prese a parete, possono portare a seri problemi", afferma Pándics.

Per aggirare gli aspetti negativi delle fragranze artificiali, alcuni produttori raccomandano l'uso di oli essenziali. Ma anche questi comportano rischi per la salute. Quando si ha a che fare con la reazione del corpo umano, la fonte della sostanza fa poca differenza. Indipendentemente dal fatto che siano prodotte artificialmente o che siano presenti in natura, ogni sostanza estranea all'organismo umano presenta un rischio chimico, dice Pándics.

"Anche se non sono cancerogene, queste sostanze comportano un carico supplementare per il fegato e il nostro sistema metabolico non è preparato a processarle", aggiunge Pándics.

Gli oli essenziali sono composti da decine o addirittura centinaia di componenti, che possono includere alcuni componenti tossici. Uno di questi è il tujone, presente nella salvia medica e nell'olio essenziale da essa prodotto. In grandi quantità, il tujone può danneggiare il sistema nervoso. La cinnamaldeide contenuta nell'olio di cannella può causare irritazione della pelle e una reazione allergica. Come per le fragranze artificiali, l'uso a lungo termine e le dosi elevate di oli essenziali dovrebbero essere evitati. A seconda della tipologia, possono causare irritazioni alla pelle o alle mucose.

L'impatto della maggior parte dei profumi domestici e di altre sostanze chimiche è noto da decenni: l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e numerosi istituti di ricerca informano regolarmente il pubblico sui loro rischi. Tuttavia, ci sono poche informazioni sui loro effetti combinati e a lungo termine. "Le proprietà chimiche del limonene, un ingrediente relativamente comune nei profumi per la casa, sono note da tempo. Tuttavia, per quanto riguarda il suo utilizzo prolungato nel tempo, sono disponibili solo stime", afferma Pándics.

 

Non si tratta di usare la fragranza giusta nella giusta quantità: è un'esposizione chimica aggiuntiva che dovrebbe essere evitata del tutto.

Se l'obiettivo è quello di coprire un qualche tipo di odore in casa, dovremmo invece trovare ed eliminare la fonte", aggiunge.

Oltre ad un'aerazione regolare, per migliorare la qualità dell'aria interna l'esperto consiglia la pulizia con panno umido, che rimuove efficacemente sia i pollini sia le particelle di inquinamento depositate sulle superfici.


La *Semmelweis University è una istituzione leader in Ungheria e nella regione dell’Europa centrale nel campo della medicina e delle scienze della salute. L’impegno principale si basa sull’integrità dell’istruzione, della ricerca e della guarigione, che rendono l’università di Semmelweis un centro di conoscenza di fama internazionale.


Fonte articolo di DI  VÉGH ZSÓFIA Semmelweis University


Scrivi commento

Commenti: 0